Vai a sottomenu e altri contenuti

SUE

Lo Sportello Unico per l'Edilizia (SUE) gestisce qualsiasi procedimento amministrativo inerente l'effettuazione di interventi di trasformazione del territorio ad iniziativa privata, nonché interventi sugli edifici esistenti, soggetti all'acquisizione di uno o più titoli abilitativi.
Il SUE costituisce l'unico punto di accesso per il privato cittadino per la presentazione e gestione delle pratiche di natura edilizia
Attraverso il SUE il cittadino presenta la propria pratica compilando la DUE (Dichiarazione unica per la realizzazione di un intervento edilizio) dove seleziona il procedimento edilizio di interesse (Interventi soggetti a permesso di costruire; - Interventi soggetti a Autorizzazione Edilizia o SCIA; ecc. Realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili soggetti alla procedura di cui all'art. 6 del D.Lgs. 28/2011 (P.A.S.); Interventi soggetti a comunicazione con relazione asseverativa;, Interventi di edilizia libera soggetti a comunicazione senza relazione asseverativa;, Accertamento di conformità).
Attraverso le indicazioni ottenute mediante la compilazione del modello DUE:

  1. individua la modulistica adatta al proprio intervento, da allegare alla DUE.
  2. esegue il download (scaricamento) dei file in formato pdf dei moduli da utilizzare;
  3. compila, firma digitalmente e salva i moduli come file nel proprio pc;
  4. trasmette la pratica al SUE, inviando la documentazione all'indirizzo di posta certificata protocollo@pec.comune.serri.ca.it.

Successivamente all'invio della documentazione, il cittadino ottiene una ricevuta automatica che ha valore di avvenuto protocollo dell'istanza/autocertificazione.
La pratica presentata al SUE segue il seguente iter.
Tutti i dati moduli e i documenti allegati arrivano al SUE, che effettua una prima verifica formale su quanto trasmesso, procedendo eventualmente a richiedere la regolarizzazione della pratica incompleta. e in seguito, previa gestione dei procedimenti amministrativi, all'esito favorevole della verifica formale, il SUE:
- per tutti i casi di SCIA e comunicazioni, rilascia telematicamente la ricevuta definitiva, che assieme alla documentazione trasmessa dall'interessato costituisce il titolo abilitativo per l'effettuazione dell'intervento;.
- per tutti gli altri casi, dà avvio al procedimento per il rilascio del titolo abilitativo.
La tipologia del titolo abilitativo edilizio necessario per l'effettuazione dell'intervento determina le tempistiche e le regole procedurali dell'iter SUE nel suo complesso.
Ad esempio, in caso di SCIA relativo a un intervento edilizio soggetto a sole verifiche o atti di assenso che possono essere sostituiti dalle asseverazioni dei tecnici abilitati, il titolo abilitativo viene conseguito sin dalla data di presentazione della pratica al SUE.
In tutti i casi di SCIA per i quali si rende necessario acquisire uno o più atti di assenso che non possono essere sostituiti dalle asseverazioni dei tecnici abilitati, l'efficacia della SCIA è subordinata all'acquisizione di tali atti di assenso.
In mancanza di firma digitale e posta elettronica certificata, il cittadino potrà trasmettere la pratica telematicamente tramite un altro soggetto, conferendogli una procura speciale (Modulo F15)
Presentazione in modalità cartacea:
Le pratiche che non necessitano di elaborati o asseverazioni tecniche e/o professionali possono essere presentate anche in modalità cartacea

Requisiti

Il titolo edilizio è rilasciato al proprietario dell’immobile o a chi abbia titolo per richiederlo. Il titolo edilizio è trasferibile, insieme all’immobile, ai successori o aventi causa. Esso non incide sulla titolarità della proprietà o di altri diritti reali relativi agli immobili realizzati per effetto del suo rilascio. E’ irrevocabile ed è oneroso. Il rilascio del titolo edilizio non comporta limitazione dei diritti dei terzi.

Costi

Versamento delle somme previste per gli oneri di concessione per urbanizzazione primaria e secondaria e costo di costruzione sul conto corrente postale n. 11976081 intestato a Comune di Nurallao; Versamento della somma di €. 10,32 per Diritti di segreteria + € 8,62 per rimborso cartellonistica (permesso di costruire) sul conto corrente postale n. 11976081 intestato a Comune di Nurallao. Versamento della somma di €. 5,16 per Diritti di segreteria (permesso di costruire) sul conto corrente postale n. 11976081 intestato a Comune di Nurallao. N° 2 marche da bollo da €. 16,00 una per la domanda e una per il titolo edilizio

Normativa

  • Regolamento Edilizio.
  • Legge Regionale n. 23/1985.
  • D.P.R. 6 giugno 2001 n° 380.
  • Legge Regionale 15 Aprile 2015 n.8

Documenti da presentare

servizi.sardegnasue.it/cittadino/informazioniCittMA.htm

Incaricato

Geom. Damu Emidio

Tempi interni

60 giorni

Tempi esterni

15

Tempi complessivi

75

Termini e modalità di ricorso

 Il Responsabile del procedimento, entro 60 giorni formula una proposta di provvedimento finale, i successivi 15 giorni il Responsabile emana il provvedimento finale. Poi avviene la pubblicazione all’albo pretorio dell’avvenuto rilascio del provvedimento per giorni 30.
Se la documentazione dovesse risultare carente il Responsabile del procedimento entro 30 giorni emana una proposta di provvedimento di sospensione e invia una lettera al richiedente per ottemperare alla documentazione richiesta.
Decorso inutilmente il termine per l’adozione del provvedimento conclusivo sulla domanda di Concessione Edilizia (75 giorni), si intende formato il silenzio-rifiuto.
In caso di mancata adozione, entro il termine di 75 giorni, del provvedimento conclusivo per il rilascio della Concessione Edilizia, l’interessato può, con atto notificato o trasmesso con raccomandata A.R., richiedere al Responsabile dell'Ufficio Edilizia Privata che si pronunci entro 15 gironi dalla ricezione dell’istanza. Decorso inutilmente tale termine, l’interessato può inoltrare richiesta alla Regione, il quale nei successivi 15 giorni, nomina un Commissario ad acta che provvede nel termine di 60 giorni.
Trascorso inutilmente anche quest’ultimo termine, sulla domanda di intervento sostitutivo si intende formato il silenzio-rifiuto

Note

La Regione Sardegna, nel rispetto dei tempi dettati a livello nazionale per il processo di semplificazione delle procedure edilizie, ha aggiornato la modulistica sperimentale del SUE, adeguando i contenuti degli appositi moduli regionali ai modelli unici e semplificati per la ''Comunicazione inizio lavori'' (CIL) e per la ''Comunicazione inizio lavori asseverata'' (CILA) recentemente approvati dalla Conferenza Unificata.
In particolare il modulo CIL (riferito agli interventi di edilizia libera per le quali non è necessaria alcuna asseverazione, di cui all'art. 10 della L.R. n° 4/2009) ha il suo corrispondente nel modello regionale DUE, mentre il modulo CILA (riferito a interventi edilizi classificabili come opere interne ai sensi dell'art. 15 della LR 23/1985 o di manutenzione straordinaria ai sensi dell'art. 10 della LR 4/2009, soggetti a comunicazione asseverata) corrisponde all'allegato A20/SUE. In tal modo, i moduli DUE e A20/SUE recepiscono i contenuti degli equivalenti modelli unificati a livello nazionale, fatte salve le specificità della normativa regionale.
I modelli costituiscono il riferimento per l'adeguamento di tutti i Comuni della Sardegna al processo di semplificazione edilizia.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto